Quarta di copertina

ottobre – dicembre 2018
Biblioteche della provincia di Reggio Emilia

AUTORI IN PRESTITO
Il monastero del proprio spirito

Consigli di lettura ascolto e visione
a cura di Paolo Nori

Per un momento non saranno libri, dischi o film a essere in prestito
ma le esperienze degli autori, speciali bibliotecari per un giorno

Il poeta Iosif Brodskij aveva una relazione stranissima con il potere sovietico: l’ha raccontata Sergej Dovlatov, che era un suo amico: «In confronto con Brodskij, – ha scritto Dovlatov – gli altri giovani anticonformisti sembrava che facessero un altro mestiere. Brodskij aveva creato un modello di comportamento inaudito. Non viveva in uno stato proletario, viveva nel monastero del proprio spirito.
Non si opponeva al regime. Non lo considerava. E non era nemmeno sicuro della sua esistenza. Non conosceva i membri del Politburo. Quando sulla facciata del suo palazzo avevan montato un ritratto di sei metri di Mžavanadze (segretario del partito comunista georgiano), Brodskij aveva detto: – Chi è? Sembra William Blake…».

L’edizione di quest’anno di Autori in prestito, dove, con la Regione Emilia Romagna e con l’Arci di Reggio Emilia, chiediamo a scrittori, pittori, cantanti, attori, registi, disegnatori di venire nelle biblioteche della provincia di Reggio Emilia a raccontarci i libri, le musiche, i quadri e gli spettacoli teatrali che li hanno convinti a fare il mestiere che fanno, l’edizione di quest’anno si chiama Il monastero del proprio spirito.

Paolo Nori

 

Un progetto di
Arci Reggio Emilia

Con il contributo di
Regione Emilia-Romagna

In collaborazione con le biblioteche di
Albinea, Baiso, Bibbiano, Boretto, Brescello, Campagnola Emilia, Casalgrande, Castelnovo ne’ Monti, Cavriago, Correggio, Guastalla, Luzzara, Novellara, Quattro Castella, Reggio Emilia, Reggiolo, Rolo, Rubiera, Sant’Ilario d’Enza, San Martino in Rio, Scandiano, Ventasso

Powered by
Promusic

Media partner
Helmut

Le illustrazioni utilizzate per l’immagine dell’edizione 2018 di Autori in Prestito sono state realizzate da Guido Scarabottolo